Smartphone e salute, quando la batteria in esaurimento genera problemi di ansia

  • By Riccardo Fagioli
  • 19 Settembre 2019

Secondo uno studio londinese sempre più persone pianificano gli spostamenti nella giornata e riorganizzano i propri piani adattandosi alla percentuale di carica rimasta nella batteria del proprio cellulare

Secondo una recente ricerca condotta nella capitale dell’Inghilterra, lo stato di carica del nostro smartphone influenzerebbe la nostra quotidianità, e provocherebbe problemi di ansia. È ormai un fatto certo che lo smartphone abbia cambiato il nostro modo di vivere, ma c’è un dibattito in corso sull’ipotesi che questi dispositivi mobili potrebbero aver trasformato “subdolamente” ed efficacemente persino la nostra percezione delle relazioni, dello spazio e del tempo. Ma in questa sede si fa riferimento a un sondaggio organizzato dalle Università di Londra e Aalto che rileverebbe che “sempre più persone pianificano i propri spostamenti nella giornata e riorganizzano i propri piani adattandosi alla percentuale di carica rimasta nella batteria del proprio cellulare”. Peraltro, i dati sembrerebbero dimostrare che quando la percentuale rimasta è inferiore al 50% i più connessi inizierebbero ad avvertire sensazioni di malessere e di disagio.

Lo studio è stato svolto su un campione ridotto, ma offre validi spunti di riflessione

Non solo malessere e disagio, lo stato di carica della batteria influenzerebbe anche umore e decisioni

Il sondaggio londinese ha coinvolto un campione di ventidue partecipanti, perciò non si può certo dire che abbia un vero valore statistico, ma sembra offrire validi spunti di riflessione. Sono stati intervistati solo pendolari londinesi. E, seguendo la ricerca, questi ultimi avrebbero pianificato i propri spostamenti nella città seguendo le percentuali di carica dei propri smartphone piuttosto che il numero di chilometri o di fermate dei mezzi pubblici. Insomma, non solo malessere e ansia, lo stato di carica del proprio smartphone influenzerebbe anche l’umore dei possessori. E avrebbe uno specifico ruolo nel determinare le decisioni per organizzare la propria giornata. Esemplificative sono infatti le parole di sintesi dei ricercatori: «Un’icona piena dà la sensazione di poter intraprendere qualunque attività e di poter andare ovunque. Viceversa, scoprire percentuali inferiori al 50%  induce sensazioni di profonda ansietà e disagio».

smartphone

Smartphone e pregiudizi, i non connessi sono percepiti incapaci di organizzare la propria vita

Le deformazioni però non sono tutte confinate alla sfera decisionale e alla sensibilità emotiva, ma sembrerebbero frapporsi anche nell’istante in cui elaboriamo la nostra idea dell’altro. Seguendo ancora gli studiosi:  “Chi lascia scaricare il dispositivo fino a percentuali vicine allo zero senza farsi troppi problemi è percepito come disorganizzato” o “particolarmente fuori dal mondo, persone ignare delle norme di convivenza che ormai richiedono loro di rimanere connessi e raggiungibili. E di conseguenza potenzialmente incapaci di organizzarsi nella vita”.

  Commenti

Ultimi post

  • L’app TheFork si aggiorna in tempo anti-COVID

    16 Giugno 2020

    TheFork, brand di Tripadvisor, è la piattaforma leader in Europa per le prenotazioni online di ristoranti a livello globale. L’app ha recentemente annunciato una nuova funzionalità (integrata anche nel sito) che permetterà agli utenti di visualizzare nella scheda dei ristoranti […]

  • Le linee guida anti-covid dell’Istituto Superiore di Sanità per la ristorazione

    8 Giugno 2020

    Il ritorno in attività di bar e ristoranti è accompagnato da nuove regole per ridurre il rischio di contagio, così per aiutare i gestori delle attività, e i clienti, che si trovano ad affrontare questo nuovo modo di mangiare al ristorante, […]

  • Il crollo della ristorazione costa 1,5 miliardi a tutta la filiera

    31 Maggio 2020

    Secondo i dati della Coldiretti, il crollo della ristorazione costa 1,5 miliardi, poiché nonostante la riapertura, le nuove misure e la totale assenza di turisti fa permanere una situazione di difficoltà nel settore. Il crollo delle attività di ristorazione ha […]

  • Cosa sono i menù digitali? Scopriamolo assieme

    26 Maggio 2020

    Il menù digitale si sta espandendo sempre più velocemente come modalità di servizio nel settore della ristorazione. Perché? Sicuramente è più comodo, veloce e sicuro, dal punto di vista igienico; inoltre permette di controllare gli ingredienti, opzione utile per chi […]

  • Una ripartenza all’insegna del digitale anche nella ristorazione

    23 Maggio 2020

    Si sa ormai, che dopo un periodo di crisi si riparte sempre solo, e grazie, a dei grandi cambiamenti, perché tornare al punto di partenza è impossibile. L’emergenza Covid-19 ha investito ognuno di noi, specialmente coloro che hanno aziende nella […]

systems around management

Parola d’ordine: esclusività. IKNOSYS offre al mondo della ristorazione soluzioni integrate ed esclusive. Integrate perché ogni elemento è pensato in funzione degli altri per creare un sistema. Esclusive, cioè uniche e individuali, perché centrate unicamente sulle tue problematiche e risolutive per quelle.
Soluzioni! Non prodotti.

Richiesta info

IKNOSYS Srl è seriamente impegnata per il rispetto della privacy. I dati inviati tramite il modulo di contatto non vengono memorizzati.

Leggi la privacy policy