Al via l’era del WiFi 6, è disponibile il programma di certificazione

  • By Riccardo Fagioli
  • 17 Settembre 2019

I primi smartphone certificati WiFi 6 sono il Samsung Galaxy Note 10 e il 10 Plus

È stata l’organizzazione che sovrintende all’implementazione dello standard Wi-Fi, la Wi-Fi Alliance, a comunicare che è disponibile il programma di certificazione del WiFi 6. Il lancio è avvenuto il 16 settembre 2019 anche se era stato di fatto annunciato alla fine del 2018. Stiamo parlando della tecnologia 802.11ax che va ad aggiornare la 802.11ac (WiFi 5). Un’imboccatura importante perché sta a significare che lo standard WiFi 6 è pronto e che le aziende hi-tech si apprestano a propagandare i loro prodotti come idonei e compatibili con esso. Il lancio è stato una pura questione formale, perché già da mesi le aziende stanno proponendo dispositivi compatibili. Il WiFi 6 ha debuttato in tempo per l’apertura delle vendite di iPhone 11, 11 Pro e 11 Pro Max che pure lo supportano, ma i primi smartphone certificati, come specificato dalla Wi-Fi Alliance, sono il “Galaxy Note 10” e il Samsung Galaxy Note  10 Plus.Altri prodotti potranno ricevere la certificazione se ne faranno richiesta e se ne soddisferanno i requisiti”.

Perché il WiFi 6? Secondo la Wi-Fi Alliance “lo standard è stato sviluppato per supportare diverse tipologie di dispositivi e applicazioni. Da quelle che richiedono massime prestazioni negli ambienti lavorativi a quelle che richiedono basso consumo e latenza nelle smart home o in scenari IoT industriali”.

Quando si parla di tecnologia la mission è quella di aumentare l’efficienza. E infatti il Wi-Fi 6 comprende una serie di nuove tecnologie implementate per rispondere a questo obiettivo. L’utilizzo quotidiano dei nostri apparecchi tecnologici richiede sempre più che un numero consistente di dispositivi siano collegati a uno stesso punto d’accesso. E questo succede nelle aziende, come nei pubblici uffici e nelle smart home. Ma il nuovo standard non migliora solo capacità di banda e latenza (l’intervallo di tempo che intercorre fra il momento in cui viene inviato l’input al sistema e quello in cui è disponibile il suo output), ma anche consumi e affidabilità. Tutti fattori che permetteranno alle infrastrutture compatibili di poter gestire i device WiFi 6 con prontezza e semplicità, anche in grande numero. Inoltre, grazie alla maggiore capacità (fino a 5 volte superiore rispetto al WiFi 5), il WiFi 6 potrà essere utilizzato all’interno di servizi di valore aggiunto.

wifi 6

WiFi 6, elevate possibilità di connessione in stadi e aeroporti e nuove soluzioni per supportare realtà aumentata e contenuti in qualità HD

La velocità massima è passata da 3,5 Gbps a 9,6 Gbps, consentendo così a più persone di connettersi contemporaneamente alla Rete in luoghi gremiti come aeroporti o palazzi dello sport, ma ha aperto anche spazio a nuovi scenari di uso (soluzioni per la realtà aumentata e fruizione dei contenuti in alta definizione). Lo standard, come ha precisato l’organizzazione, “è stato sviluppato per supportare diverse tipologie di dispositivi e applicazioni. Da quelle che richiedono massime prestazioni negli ambienti lavorativi a quelle che richiedono basso consumo e bassa latenza nelle smart home o in scenari IoT industriali“.

WiFi 6, niente più problemi di web usability?

Il WiFi 6 introduce anche un importante miglioramento della sicurezza. Ma, in conclusione, al di là dei numeri, ciò che è davvero importante da sottolineare è che il nuovo standard permetterà di offrire maggiore capacità di banda, e stabilità, a ogni dispositivo connesso alla medesima rete wireless. Per queste ragioni le ricadute positive del nuovo programma saranno più facilmente osservabili su reti affollate.

  Commenti

Ultimi post

  • L’app TheFork si aggiorna in tempo anti-COVID

    16 Giugno 2020

    TheFork, brand di Tripadvisor, è la piattaforma leader in Europa per le prenotazioni online di ristoranti a livello globale. L’app ha recentemente annunciato una nuova funzionalità (integrata anche nel sito) che permetterà agli utenti di visualizzare nella scheda dei ristoranti […]

  • Le linee guida anti-covid dell’Istituto Superiore di Sanità per la ristorazione

    8 Giugno 2020

    Il ritorno in attività di bar e ristoranti è accompagnato da nuove regole per ridurre il rischio di contagio, così per aiutare i gestori delle attività, e i clienti, che si trovano ad affrontare questo nuovo modo di mangiare al ristorante, […]

  • Il crollo della ristorazione costa 1,5 miliardi a tutta la filiera

    31 Maggio 2020

    Secondo i dati della Coldiretti, il crollo della ristorazione costa 1,5 miliardi, poiché nonostante la riapertura, le nuove misure e la totale assenza di turisti fa permanere una situazione di difficoltà nel settore. Il crollo delle attività di ristorazione ha […]

  • Cosa sono i menù digitali? Scopriamolo assieme

    26 Maggio 2020

    Il menù digitale si sta espandendo sempre più velocemente come modalità di servizio nel settore della ristorazione. Perché? Sicuramente è più comodo, veloce e sicuro, dal punto di vista igienico; inoltre permette di controllare gli ingredienti, opzione utile per chi […]

  • Una ripartenza all’insegna del digitale anche nella ristorazione

    23 Maggio 2020

    Si sa ormai, che dopo un periodo di crisi si riparte sempre solo, e grazie, a dei grandi cambiamenti, perché tornare al punto di partenza è impossibile. L’emergenza Covid-19 ha investito ognuno di noi, specialmente coloro che hanno aziende nella […]

systems around management

Parola d’ordine: esclusività. IKNOSYS offre al mondo della ristorazione soluzioni integrate ed esclusive. Integrate perché ogni elemento è pensato in funzione degli altri per creare un sistema. Esclusive, cioè uniche e individuali, perché centrate unicamente sulle tue problematiche e risolutive per quelle.
Soluzioni! Non prodotti.

Richiesta info

IKNOSYS Srl è seriamente impegnata per il rispetto della privacy. I dati inviati tramite il modulo di contatto non vengono memorizzati.

Leggi la privacy policy