Arriva Starbucks: impareremo a fare il caffè da loro?

  • By Riccardo Fagioli
  • 30 gennaio 2017

L’Italia è la patria del buon caffè. Noi italiani siamo gli esperti mondiali di caffè. Ma è poi così vero?

Sicuramente siamo comici, questo sì: mille modi di fare il caffè. E così c’è addirittura differenza tra nord e sud per dire la stessa cosa: corto (lungo), ristretto (stirato), basso (alto), macchiato, macchiato freddo, molto macchiato, … E l’acqua? Un goccio d’acqua, un poco d’acqua, mezza d’acqua, … E così succede che entra la tipa al bar e chiede: un caffè leggermente lungo macchiato freddo, per cortesia. Anche un goccino di acqua effervescente naturale a temperatura ambiente, grazie!

Siamo veramente la patria degli esperti di caffè! Oppure no!?

Dai, alzi la mano chi conosce la composizione della miscela del caffè che utilizza il vostro barista. E il tipo di tostatura? Va beh, il tipo di macinazione? Niente? Eh si, gli italiani sono veramente gli esperti del caffè. Allora vediamo: chi frequenta una caffetteria che ha a disposizione due o più miscele di caffè e vi fa scegliere? Chi beve un caffè diverso a colazione rispetto al dopopranzo (ginseng, orzo e altre “porcherie” qui non sono valide)? Ancora niente?

Lasciatemelo dire: entrare in una caffetteria e chiedere semplicemente un caffè, è come entrare in un ristorante toscano e chiedere semplicemente un bicchiere di vino rosso.

E allora non stupiamoci se gli americani hanno deciso di colonizzarci anche nel campo del caffè. Non stupiamoci se verranno a insegnarci a preparare il caffè. Non stupiamoci se verranno a istruirci su come si gusta un caffè. E levatevi immediatamente dalla testa che “caffè americano” significa bevanda calda a gusto di caffè da bere con la cannuccia. Rassegniamoci: aprirà Starbucks in Italia e molti bar e caffetterie vecchio stampo dovranno scegliere: cambiare o morire.

So che molti di voi ora mi odieranno, ma leggete le ultime righe prima di giudicarmi. Dunque: 24 miscele differenti, da gustare in loco e/o portare via in accattivanti confezioni da asporto/regalo, ognuna della quale con la sua corretta tostatura e macinazione, servito nella tazzina corretta in modo da esaltarne le caratteristiche aromatiche, accompagnati da assaggi di dolcetti o amaretti correttamente abbinati per esaltare sempre e comunque il gusto del caffè. E fin qui abbiamo parlato solo di caffè. Ci saranno i cappuccini (infiniti) preparati con una decina di latti differenti (mucca, capra, pecora, interi, scremati, alta digeribilità, soia, eccetera). Aggiungiamo decine di varietà di the. E tisane. E cioccolate. E aggiungiamo i brownies, i frappuccini, le cheesecake. Devo continuare? Ah sì: il vostro caffè sarà preparato da un barman cintura nera quarto dan di macchine del caffè, capace non solo di prepararvelo e servirvelo nel migliore dei modi, ma anche di spiegarvelo, o meglio raccontarvelo.

Ebbene sì. Arriveranno gli americani e ci insegneranno come rendere il caffè un’esperienza culinaria a tuttotondo; esattamente come lo è gustare una fiorentina con un calice di Biserno del 2008. E ci faranno pagare il caffè 5€. E i baristi nostrani, che fino a oggi ci hanno servito “un caffè” a 0,90€ dovranno ammettere (come minimo) di aver perso una ottima opportunità di fare business. Per decenni.

E adesso via agli insulti. Sono pronto.

  Commenti

Ultimi post

  • The good enough economy. Non è il massimo, ma…

    8 aprile 2017

    The good enough economy, che tradotto letteralmente sarebbe l’economia del “è abbastanza buono”. Ma siccome non mi piace tradurre letteralmente, lo traduco in: l’economia del “non è il massimo, ma… me lo faccio andar bene comunque”. Avete presente quanti oggetti, […]

  • Tecnologia: questa sconosciuta.

    25 marzo 2017

    Mi piace giocare sul vero significato delle parole. Mi piace far comprendere (diciamo almeno provarci) che alle volte i modi di dire e di comunicare distorcono completamente il vero significato delle parole o delle definizioni. E così come per “soluzioni […]

  • Labware a EuroShop di Düsseldorf: 5-9 marzo 2017

    7 febbraio 2017

    Nell’ambito dalle fiere internazionali, quest’anno Labware ha scelto di partecipare a EuroShop 2017, la più importante fiera europea dedicata al retail. EuroShop si terrà a Dusseldorf dal 05 al 09 marzo prossimi. http://www.euroshop-tradefair.com/ http://www.euroshop-tradefair.it/ La fiera è triennale ed è in concomitanza con la […]

  • Arriva Starbucks: impareremo a fare il caffè da loro?

    30 gennaio 2017

    L’Italia è la patria del buon caffè. Noi italiani siamo gli esperti mondiali di caffè. Ma è poi così vero? Sicuramente siamo comici, questo sì: mille modi di fare il caffè. E così c’è addirittura differenza tra nord e sud […]

  • Tesla Model 3 a 30mila euro. Ecco la rivoluzione!

    24 gennaio 2017

    Elon Musk ha presentato il 31 marzo 2016 la Tesla Modello 3. Chissenefrega, direte voi. E invece dovreste rifletterci: da 0 a 100 in 6 secondi, un’autonomia di quasi 350 Km, 5 stelle di sicurezza in OGNI parametro (ovvero la macchina più sicura […]

systems around management

Parola d’ordine: esclusività. IKNOSYS offre al mondo della ristorazione soluzioni integrate ed esclusive. Integrate perché ogni elemento è pensato in funzione degli altri per creare un sistema. Esclusive, cioè uniche e individuali, perché centrate unicamente sulle tue problematiche e risolutive per quelle.
Soluzioni! Non prodotti.

Richiesta info o iscrizione newsletter

IKNOSYS Srl è seriamente impegnata per il rispetto della privacy. Non condivide le informazioni con terzi senza il tuo previo consenso.

Leggi la privacy policy