Arriva Starbucks: impareremo a fare il caffè da loro?

  • By Riccardo Fagioli
  • 30 gennaio 2017

L’Italia è la patria del buon caffè. Noi italiani siamo gli esperti mondiali di caffè. Ma è poi così vero?

Sicuramente siamo comici, questo sì: mille modi di fare il caffè. E così c’è addirittura differenza tra nord e sud per dire la stessa cosa: corto (lungo), ristretto (stirato), basso (alto), macchiato, macchiato freddo, molto macchiato, … E l’acqua? Un goccio d’acqua, un poco d’acqua, mezza d’acqua, … E così succede che entra la tipa al bar e chiede: un caffè leggermente lungo macchiato freddo, per cortesia. Anche un goccino di acqua effervescente naturale a temperatura ambiente, grazie!

Siamo veramente la patria degli esperti di caffè! Oppure no!?

Dai, alzi la mano chi conosce la composizione della miscela del caffè che utilizza il vostro barista. E il tipo di tostatura? Va beh, il tipo di macinazione? Niente? Eh si, gli italiani sono veramente gli esperti del caffè. Allora vediamo: chi frequenta una caffetteria che ha a disposizione due o più miscele di caffè e vi fa scegliere? Chi beve un caffè diverso a colazione rispetto al dopopranzo (ginseng, orzo e altre “porcherie” qui non sono valide)? Ancora niente?

Lasciatemelo dire: entrare in una caffetteria e chiedere semplicemente un caffè, è come entrare in un ristorante toscano e chiedere semplicemente un bicchiere di vino rosso.

E allora non stupiamoci se gli americani hanno deciso di colonizzarci anche nel campo del caffè. Non stupiamoci se verranno a insegnarci a preparare il caffè. Non stupiamoci se verranno a istruirci su come si gusta un caffè. E levatevi immediatamente dalla testa che “caffè americano” significa bevanda calda a gusto di caffè da bere con la cannuccia. Rassegniamoci: aprirà Starbucks in Italia e molti bar e caffetterie vecchio stampo dovranno scegliere: cambiare o morire.

So che molti di voi ora mi odieranno, ma leggete le ultime righe prima di giudicarmi. Dunque: 24 miscele differenti, da gustare in loco e/o portare via in accattivanti confezioni da asporto/regalo, ognuna della quale con la sua corretta tostatura e macinazione, servito nella tazzina corretta in modo da esaltarne le caratteristiche aromatiche, accompagnati da assaggi di dolcetti o amaretti correttamente abbinati per esaltare sempre e comunque il gusto del caffè. E fin qui abbiamo parlato solo di caffè. Ci saranno i cappuccini (infiniti) preparati con una decina di latti differenti (mucca, capra, pecora, interi, scremati, alta digeribilità, soia, eccetera). Aggiungiamo decine di varietà di the. E tisane. E cioccolate. E aggiungiamo i brownies, i frappuccini, le cheesecake. Devo continuare? Ah sì: il vostro caffè sarà preparato da un barman cintura nera quarto dan di macchine del caffè, capace non solo di prepararvelo e servirvelo nel migliore dei modi, ma anche di spiegarvelo, o meglio raccontarvelo.

Ebbene sì. Arriveranno gli americani e ci insegneranno come rendere il caffè un’esperienza culinaria a tuttotondo; esattamente come lo è gustare una fiorentina con un calice di Biserno del 2008. E ci faranno pagare il caffè 5€. E i baristi nostrani, che fino a oggi ci hanno servito “un caffè” a 0,90€ dovranno ammettere (come minimo) di aver perso una ottima opportunità di fare business. Per decenni.

E adesso via agli insulti. Sono pronto.

  Commenti

Ultimi post

  • Valore: una cosa molto diversa dal prezzo!

    16 agosto 2017

    Quando, ormai molti anni fa, ho cominciato in questo settore, il gradino più grosso era far capire che c’era un modo diverso di lavorare nei ristoranti che permettesse di abbandonare la carta e la penna. E che questo “cambiamento” avrebbe […]

  • The good enough economy. Non è il massimo, ma…

    8 aprile 2017

    The good enough economy, che tradotto letteralmente sarebbe l’economia del “è abbastanza buono”. Ma siccome non mi piace tradurre letteralmente, lo traduco in: l’economia del “non è il massimo, ma… me lo faccio andar bene comunque”. Avete presente quanti oggetti, […]

  • Tecnologia: questa sconosciuta.

    25 marzo 2017

    Mi piace giocare sul vero significato delle parole. Mi piace far comprendere (diciamo almeno provarci) che alle volte i modi di dire e di comunicare distorcono completamente il vero significato delle parole o delle definizioni. E così come per “soluzioni […]

  • Labware a EuroShop di Düsseldorf: 5-9 marzo 2017

    7 febbraio 2017

    Nell’ambito dalle fiere internazionali, quest’anno Labware ha scelto di partecipare a EuroShop 2017, la più importante fiera europea dedicata al retail. EuroShop si terrà a Dusseldorf dal 05 al 09 marzo prossimi. http://www.euroshop-tradefair.com/ http://www.euroshop-tradefair.it/ La fiera è triennale ed è in concomitanza con la […]

  • Arriva Starbucks: impareremo a fare il caffè da loro?

    30 gennaio 2017

    L’Italia è la patria del buon caffè. Noi italiani siamo gli esperti mondiali di caffè. Ma è poi così vero? Sicuramente siamo comici, questo sì: mille modi di fare il caffè. E così c’è addirittura differenza tra nord e sud […]

systems around management

Parola d’ordine: esclusività. IKNOSYS offre al mondo della ristorazione soluzioni integrate ed esclusive. Integrate perché ogni elemento è pensato in funzione degli altri per creare un sistema. Esclusive, cioè uniche e individuali, perché centrate unicamente sulle tue problematiche e risolutive per quelle.
Soluzioni! Non prodotti.

Richiesta info o iscrizione newsletter

IKNOSYS Srl è seriamente impegnata per il rispetto della privacy. Non condivide le informazioni con terzi senza il tuo previo consenso.

Leggi la privacy policy