The good enough economy. Non è il massimo, ma…

  • By Riccardo Fagioli
  • 8 aprile 2017

The good enough economy, che tradotto letteralmente sarebbe l’economia del “è abbastanza buono”. Ma siccome non mi piace tradurre letteralmente, lo traduco in: l’economia del “non è il massimo, ma… me lo faccio andar bene comunque”.

Avete presente quanti oggetti, prodotti o servizi ci sono che rispecchiano questa “filosofia”? Tanti! Troppi!

Ci sono mille esempi fattibili, ma io ne faccio uno mio, personale e micidiale: nella mia cucina ho un lavello di quelli super mega power, e ha il tappo di quelli a pressione: premi e tappa il lavello, tiri su e stappa il lavello. Una gran figata. Peccato che quando hai lavato i piatti o quel che hai fatto e devi stappare, l’unico modo che hai per mandare via l’acqua sporca è quello di tirarti su la manica della camicia fino al gomito e infilare il braccio nell’acqua. Non è il massimo, ma… Eppure tutt’oggi quando guardo la mia cucina, vi posso assicurare che mi piace. E tanto. Beh, nonostante questo, statene sicuri: quando comprerò la prossima cucina, il lavello avrà un tappo diverso!

Qualche settima fa, parlando di Starbucks, ho messo in evidenza che molti bar fanno un caffè che “non è il massimo, ma…”. Vale però per tutte le attività, anche le nostre; e magari diamo un servizio oppure offriamo un prodotto che in fondo sappiamo bene che potrebbe essere migliorato, ma lo facciamo andar bene comunque. Un ristoratore una volta mi disse: ogni volta che mando fuori un piatto a un tavolo lo assaggio e mi chiedo: “pagherei quel che chiedo per mangiare questo piatto?”; se la risposta è no, allora faccio rifare il piatto. Questo insegnamento l’ho fatto mio.

Insomma, diciamo che chi fa un business basato sul concetto che “non sarà il massimo, ma funziona lo stesso (e magari è pure bello)”, crea forse una clientela “abbastanza soddisfatta”, ma sicuramente non fidelizzata. Appena i clienti avranno la possibilità di cambiare, perché se lo possono permettere, o perché semplicemente si sono stancati, salteranno su un altro cavallo.

E allora diventa una scelta se stare sul cavallo del “non è il massimo, ma…”, oppure fare come recita l’ultimo slogan pubblicitario di Mercedes: the best, or nothing.

E’ per questo che quando qualcuno ci dice che non comprerà da noi ma da un’altra Azienda perché l’altro prodotto “non è il massimo, ma…”, io lascio il mio bigliettino e vado a casa ad aspettare. E’ una scelta difficile, ma la portiamo avanti da anni, e fin’ora ci ha premiato. Sui prodotti professionali non possono esistere “ma”. Noi stiamo con Mercedes: the best, or nothing.

  Commenti

Ultimi post

  • The good enough economy. Non è il massimo, ma…

    8 aprile 2017

    The good enough economy, che tradotto letteralmente sarebbe l’economia del “è abbastanza buono”. Ma siccome non mi piace tradurre letteralmente, lo traduco in: l’economia del “non è il massimo, ma… me lo faccio andar bene comunque”. Avete presente quanti oggetti, […]

  • Tecnologia: questa sconosciuta.

    25 marzo 2017

    Mi piace giocare sul vero significato delle parole. Mi piace far comprendere (diciamo almeno provarci) che alle volte i modi di dire e di comunicare distorcono completamente il vero significato delle parole o delle definizioni. E così come per “soluzioni […]

  • Labware a EuroShop di Düsseldorf: 5-9 marzo 2017

    7 febbraio 2017

    Nell’ambito dalle fiere internazionali, quest’anno Labware ha scelto di partecipare a EuroShop 2017, la più importante fiera europea dedicata al retail. EuroShop si terrà a Dusseldorf dal 05 al 09 marzo prossimi. http://www.euroshop-tradefair.com/ http://www.euroshop-tradefair.it/ La fiera è triennale ed è in concomitanza con la […]

  • Arriva Starbucks: impareremo a fare il caffè da loro?

    30 gennaio 2017

    L’Italia è la patria del buon caffè. Noi italiani siamo gli esperti mondiali di caffè. Ma è poi così vero? Sicuramente siamo comici, questo sì: mille modi di fare il caffè. E così c’è addirittura differenza tra nord e sud […]

  • Tesla Model 3 a 30mila euro. Ecco la rivoluzione!

    24 gennaio 2017

    Elon Musk ha presentato il 31 marzo 2016 la Tesla Modello 3. Chissenefrega, direte voi. E invece dovreste rifletterci: da 0 a 100 in 6 secondi, un’autonomia di quasi 350 Km, 5 stelle di sicurezza in OGNI parametro (ovvero la macchina più sicura […]

systems around management

Parola d’ordine: esclusività. IKNOSYS offre al mondo della ristorazione soluzioni integrate ed esclusive. Integrate perché ogni elemento è pensato in funzione degli altri per creare un sistema. Esclusive, cioè uniche e individuali, perché centrate unicamente sulle tue problematiche e risolutive per quelle.
Soluzioni! Non prodotti.

Richiesta info o iscrizione newsletter

IKNOSYS Srl è seriamente impegnata per il rispetto della privacy. Non condivide le informazioni con terzi senza il tuo previo consenso.

Leggi la privacy policy